sabato 25 febbraio 2017

Lettura teatrale e musica per l'8 marzo








Oggi dalle ore 19:30 alle ore 23:30
 
 
Inizia tra circa 3 ore · 13° Sereno


  • p

Dettagli
Verso l'8 marzo,
Le R/Esistenti presentano:
Ni una Mujer más

Ni una Mujer más è il progetto di un gruppo di donne che si propone di raccontare, attraverso letture tratte da episodi di cronaca e trasposte in modo romanzato, le storie di donne vittime della violenza di genere, esponendo finalmente la loro versione dei fatti, in una sorta di modesta “Antologia di Spoon River” tutta al femminile.

Queste letture sono state pensate per sensibilizzare uomini e donne al tema del femminicidio, fenomeno trasversale che coinvolge tutto il mondo. Citando Rashida Manjoo, relatrice speciale dell'ONU contro la violenza sulle donne: “A livello mondiale la diffusione degli omicidi basati sul genere ha assunto proporzioni ... Altro...

La buona città

Franco Romanò ha condiviso un link.
Ogni giovedì sera è possibile visitare la bellissima Pinacoteca di Brera
6e20.it

giovedì 23 febbraio 2017

Dalle edizioni Punto Rosso

Novità Edizioni Punto Rosso - di prossima uscita
********************************
http://www.puntorosso.it/edizioni.html

(Per acquistarne una copia inviare la richiesta a edizioni@puntorosso.it oppure telefonare al 3341319518)


Sergio Sabattini

DA UN ALTRO TEMPO
MARX E ENGELS, LA RIVOLUZIONE, LA RUSSIA

Questo libro compie un lungo e faticoso viaggio nel passato attraverso territori un tempo fiorenti e oggi ridotti all’abbandono seguendo le orme di Karl Korsch. Fin dagli anni ’30 del secolo scorso Korsch avvia una riflessione sugli sviluppi della storia del movimento operaio che lo condurrà a considerare l’impossibilità del marxismo, così come si presentava, ad essere la teoria dell’emancipazione della classe operaia. E ciò in ragione del fatto che la teoria marxista, fin dalle origini, è minata da una contraddizione congenita tra teoria e movimento storico reale che è riscontrabile in tutte le fasi del suo sviluppo, compromettendone gli esiti, e trova la sua origine nella duplicità che si manifesta fin dall’inizio nei diversi aspetti dell’opera di Marx ed Engels come teorici del proletariato e come dirigenti politici nel movimento rivoluzionario del loro tempo.
Il libro ricostruisce i due passaggi fondamentali attraverso cui Korsch giunge a questo approdo: il primo riguarda il 1848, l’anno delle rivoluzioni europee. Nel corso di esso si apre quella divaricazione tra teoria e pratica concreta caratterizzata fondamentalmente dall’assunzione nelle posizioni politiche di Marx ed Engels di elementi propri della tradizione rivoluzionaria borghese (giacobini), che entreranno a far parte della teoria della loro rivoluzione e di cui essi non saranno più in grado di liberarsi. Il secondo, l’analisi delle forme con le quali il pensiero dei padri fondatori è assunto dall’intelligencija progressista nella Russia della seconda metà del XIX secolo, manifestando così quel carattere ideologico a proposito del quale Korsch parlerà esplicitamente di mutamento di funzione del marxismo. Sono queste due tappe molto importanti per il pensiero marxista, poiché, dall’interno di esso e con i suoi stessi strumenti - la critica delle ideologie -, si pongono le basi per una corretta operazione di rilettura delle esperienze del movimento operaio, ed in particolare di quella russa, tentando di fare i conti con le contraddizioni di cui essa è il risultato, anziché rimuoverle o eluderle, come è stato fatto per tanto tempo.
Lo svolgimento di questi due passaggi fa emergere con chiarezza le ragioni del progressivo autonomizzarsi del pensiero marxista dal processo reale e del suo proporre nel corso degli anni soluzioni ideologiche ai problemi concreti che ha incontrato il movimento operaio nel suo sviluppo storico.

Sergio Sabattini, nato il 17 ottobre 1946 a Bologna, laureato in storia, iscritto al Pci dal 1967 fino alla fondazione del Pds. Iscritto al Pds e ai Ds, non è mai entrato a far parte del Partito democratico, al cui congresso fondativo non ha partecipato. E’ stato vice responsabile nazionale del settore scuola e università del Pci, assessore comunale a Bologna, segretario della Federazione bolognese del Pds dal 1993 al 1996, deputato nella XIII e XIV legislatura, membro della Commissione Affari Costituzionali della Camera, sindaco del Comune di Porretta Terme dal 2002 al 2012. E’ stato un funzionario di partito per gran parte della sua vita lavorativa. Oggi in pensione. E’ sposato ed ha una figlia di 11 anni. Vive nella montagna bolognese, ad Alto Reno Terme, al confine con quella toscana. Nel 2013 ha pubblicato un libro di aforismi e poesie, Piccoli deliri (Arcobaleno editore).

Collana Il presente come storia, formato 17x24, pagg. 546, 25 euro.

La buona scienza

 
 
Franco Romanò ha condiviso un link.
22 ore fa · 
 
 
La stella TRAPPIST-1, distante da noi 39 anni luce, è circondata da ben sette pianeti di dimensioni paragonabili a quelle terrestri, alcuni dei quali potrebbero essere simili al nostro anche per composizione e per la presenza di un'atmosfera e di un oceano di…
lescienze.it

Da Foglio clandestino

  








Martedì 28 febbraio dalle ore 21:00 alle ore 0:00
 
 
 
Dal 28 febbraio alle 21:00 al 1 marzo alle 0:00







Dettagli
Per l' ultimo incontro del mese, abbiamo deciso di saltare la cena e passare direttamente a un boccale di birra da bere in compagnia di Claudio Sanfilippo, cantautore polifonico che sa incantare con note e parole. Dopo avere scritto testi e musiche per autori quali Mina, Eugenio Finardi, Cristiano De André, Pierangelo Bertoli e avere inciso sei album (Il primo, "Stile Libero", si è aggiudicato la Targa Tenco 1996), Sanfilippo accompagnerà la nostra serata con le cazoni del suo ultimo album "Ilzendelswing", ossia Lo Zen dello Swing, in milanese e le poesie della raccolta "Mal di Terra" (Edizioni del Foglio Clandestino). I suoni un po' fuori tempo e musicali della lingua milanese che fanno del cantautore un degno erede di Jannacci, si ispirano alla ballata americana trasportando il pubblico fra sonorità swing, folk, bluegrass, mentre la scrittura dell' autore, nella ricerca musicale come nella narrazione in versi, è - come scrive Nerina Garofalo (co-autrice di una delle canzoni dell' album) - "una costante attenzione alla forma della tasca, affinchè il sasso non si perda nell' abitudine al passo"

In memoria di Luigi Pestalozza

1928-2017

Addio al partigiano e musicologo Luigi Pestalozza

giovedì 23 febbraio 2017 ore 15:00
E’ morto a Milano a 89 anni Luigi Pestalozza, grande musicologo ed ex partigiano.
La sua esperienza nella Resistenza milanese comincia dopo l’8 settembre 1943 nelle file di Giustizia e Libertà, Brigata Rosselli, sotto la guida del comandante ‘Stefano’ (che solo dopo la guerra avrebbe scoperto chiamarsi Bruno Trentin).
Dopo la guerra, nel 1956 entra nel PCI, dove ricoprirà anche il ruolo di responsabile della sezione musica alla Direzione del partito. Come docente insegna all’Accademia di Belle Arti di Brera, ma la sua è una figura di intellettuale vivace e a tutto tondo: critico musicale e acuto polemista, fonda nel 1950 il periodico Il Diapason, collabora con L’Avanti negli anni Cinquanta, e scrive poi di musica e cultura su Rinascita, sull’Unità, su Paese Sera. Pubblica libri sul Novecento musicale europeo (Schönberg, Stravinskij, Nono), sulla scuola nazionale russa e la musica in Unione Sovietica, ma anche su Costituzione e antifascismo.
Lo avevamo intervistato nel 2015, quando Radio Popolare ha dedicato la trasmissione “Radio Milano Liberata” al 70esimo anniversario della Liberazione di Milano. Riascolta dalla sua voce appassionata il racconto della sua Resistenza e del 25 aprile 1945.
d
d
“Luigi Pestalozza è stato un grande testimone del Novecento musicale”. Così lo ricorda l’Assessore alla Cultura di Milano, il compositore Filippo Del Corno.
d
Aggiornato giovedì 23 febbraio 2017 ore 17:07

mercoledì 22 febbraio 2017

Carnevale a Chiaravalle



 Via San Bernardo, 17 20139 Milano –
 tel e fax 025398546  e mail :  arci.pessinamilano@hotmail.it   
                                                                                                                        
                            

SABATO  4  MARZO 2017
ORE 20  CENA – MENU’
Fusilli crema radicchio
Fagiolata con salsiccia e polenta
Scaglie di grana
Frutta di stagione e chiacchiere
EURO 20,00  Bevande escluse
Ore 21.30 ballo con DJ “Minga a post”
                            Solo ballo euro 10,00 con consumazione    
    A fine serata premiazione delle 2 maschere piu’ belle
Prenotazioni entro martedi 28 febbraio tel.025398546
                           Mail: arci.pessinamilano@hotmail.it                                   
Ingresso con TESSERA ARCI