lunedì 6 febbraio 2017

Un appello in dfiesa della lingua italiana



·
http://gruppodifirenze.blogspot.com.br/…/contro-il-declino-…

 
Tra ieri e oggi sono girati su fb molte condivisioni di numerose testate web nazionali che rilanciano una lettera di (dicono) 600 docenti universitari. ringrazio Roberta D'Alessandro per avermi segnalato la pagina originale, che però non riporta tutte le firme. Molte persone citate sono cosiddetti maestri di pensiero che fanno del "tutto e il contrario di tutto" il loro mestiere nei media. Non li considero titolati a parlare.
La pagina in cui è pubblicata questa lettera è gestita da 4 signori cheda anni si battono per una scuola più elitaria. Credo che il punto sia questo per loro. E questo punto di partenza è molto pericoloso.
Io sarei molto d'accordo per una diversa e più approfondita formazione linguistica ma per primo degli insegnanti, quelli che formiamo noi all'università dove si fa pochissima linguistica e tanta tanta pedagogia del vogliamoci bene.
Dove si inseriscono insegnamenti tutti in inglese (altro che saper argomentare per iscritto o per orale in italiano). Dove si spinge per la didattica online e sui multimedia (altro che scrittura a mano!)
Ergo. Si guardi in casa propria (la CRUI) e dopo alla scuola, dove, a mio parere modestissimo, andrebbe introdotta una riflessione linguistica seria, informata degli sviluppi della linguistica degli ultimi due secoli, abbandonando la grammatica normativa, i pregiudizi sul bilinguismo, l'insegnamento in lingua straniera di discipline non linguistiche fatto da docenti che la lingua straniera non la sanno, ecc.
Al Presidente del Consiglio Alla Ministra dell’Istruzione Al Parlamento È chiaro ormai da molti anni che alla fine del percorso scola...

Nessun commento: