Gli furono cari i poeti ancor più della poesia.
E quante nostre piante nate storte raddrizzò
e tutte incoraggiando ospitò nel suo giardino
perché sgrovigliassero piano virtù da miserie.


Gianmario, infatti, ha cercato i suoi interlocutori tra i poeti. Ad essi ha indirizzato il suo discorso e gli sforzi della sua casa editrice. [Non entro qui nel merito del pensiero che Gianmario ha sviluppato in 12 raccolte di poesie, in saggi critici, in interventi sui blog o per posta elettronica, nei premi che ha organizzato e nelle stesse scelte con cui ha composto l’attuale catalogo di CFR

Tabea Nineo, Lotta nel periodo nero