giovedì 17 settembre 2020

L'ULTIMO NUMERO DI DOPPIOZERO

 

doppiozero
 

la newsletter di doppiozero · 15 settembre 2020

 

Sono ricominciate le scuole! Rocco Ronchi suggerisce di accogliere questa incertezza come un'opportunità: dobbiamo adattare la scuola esistente alle condizioni restrittive imposte dal Covid oppure inventare una nuova scuola, sfruttando l’occasione offertaci dal Covid? Alessandro Carrera e il diario dagli Stati Uniti in attesa delle elezioni: perché, si domanda, un uomo così privo di empatia come Donald Trump suscita grande felicità tra i suoi sostenitori? È davvero soltanto la Borsa il nodo? O, piuttosto, la rimozione sociale del lutto, e lo scatenamento della sociopatia collettiva che ne consegue? Maria Luisa Ghianda traccia un commosso ritratto di Cini Boeri: all'età di novantasei anni, questa donna eccezionale e generosa, maestra dell'architettura e del design ci ha lasciato: nei suoi luoghi splendidi natura e architettura si fondono in un'osmosi che somiglia a quella del respiro. Infine vi ricordiamo che a Novara questo fine settimana - dal 18 al 20 settembre - torna il nostro Festival dedicato ai bambini, Scarabocchi! Simone Ghiaroni scrive di scarabocchi e arcobaleni. Il festival è laboratori in presenza e appuntamenti on-line, e il programma lo trovate qui

 

Buona lettura!

 

Se continuiamo a tenere vivo questo spazio è grazie a te. Anche un solo euro per noi significa molto. Torna presto a leggerci e SOSTIENI DOPPIOZERO.

Image

Rocco Ronchi

Siccome mi rivolgo agli insegnanti, alla vigilia di un anno scolastico che sarà tra i più difficili e incerti, mi preme innanzitutto chiarire che cosa ci accomuna tutti in quanto insegnanti. Ciò che condividiamo è una “pratica”: l’insegnamento. Ciò che, in quanto insegnanti, sappiamo del nostro mestiere, sebbene esitiamo talvolta a confessarlo pubblicamente, è che la nostra pratica non si definisce a partire dai suoi contenuti (se non derivatamente) e che non si risolve nella trasmissione degli stessi “alla più alta velocità consentita dal canale” (se non derivatamente). »

Image

Alessandro Carrera

 

Si dice che poco prima che il Titanic si scontrasse con l'iceberg ci sia stata un’interessante conversazione sul ponte di prima classe, riportata poi anche ai ponti inferiori e fin giù nella sala macchine. Il capitano, si diceva, non crede all'esistenza degli iceberg. La notizia aveva generato un’ondata di entusiasmo. Finalmente, dicevano su in prima classe, un capitano che dice le cose come stanno, che è dalla nostra parte, e che sa benissimo che gli iceberg sono un'invenzione della compagnia navale concorrente, delle potenze straniere che non vogliono farci arrivare in America, dei socialisti che vorrebbero abolire la prima classe e mandarci tutti giù nelle camerate con i letti a castello ad affogare di caldo e di fumo insieme a quei disgraziati rancorosi che ci odiano perché non sono come noi e non lo saranno mai. »

Image

Maria Luisa Ghianda

 

Che nei suoi interventi architettonici Cini Boeri (1924 - 2020) abbia sempre manifestato un elevato rispetto per l'ambiente naturale in cui essi si inserivano è un dato incontrovertibile. Sarà da lei che suo figlio Stefano, archistar internazionale, noto per i suoi giardini verticali, lo avrà mutuato? È molto probabile, cresciuto come è nei luoghi splendidi progettati dalla madre, dove natura e architettura si fondono in un'osmosi che somiglia a quella del respiro. »

Image

Simone Ghiaroni

Già due settimane prima del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri che ha istituito la “Grande serrata”, il lockdown, le scuole erano state chiuse e le attività formative sospese. I bambini e i ragazzi avevano perso, ormai da tempo, la frequentazione con l’istituzione che più di ogni altra scandisce l’incedere della loro vita, ordina le loro attività, fornisce un contesto di socializzazione fuori dall’ambito famigliare. »

lunedì 14 settembre 2020

LE NINA'S DRAG QUEENS ALLA BIENNALE TEATRO 2020 DI VENEZIA

 


Cari Amici,

ci siamo quasi! Ruggenti e struggenti, danzanti e pensanti,
le Gattoparde stanno per nascere.

Le Gattoparde_l'ultima festa prima della fine del mondo,
debutterà il 
20 Settembre alla Biennale Teatro 2020.

Per chi non potesse raggiungerci a Venezia, niente paura!
Distanziate e sanificate, nel corso della prossima stagione teatrale
porteremo lo spettacolo anche a PratoModena e Milano.

Qui sotto trovate tutte le informazioni!
Vi aspettiamo!



DOMENICA 20 SETTEMBRE 2020 H 21.30
Teatro Goldoni, Venezia
biglietti 20€ -15€
Acquista i biglietti
 

Ecco dove sarà possibile vedere
LE GATTOPARDE nella stagione 2020/21:


15-20 dicembre 2020, Teatro Fabbricone, Prato
4-7 febbraio 2021, Teatro Storchi, Modena
6-16 maggio 2021, Teatro Carcano, Milano

domenica 13 settembre 2020

SULLA BOCCA DI TUTTI

 

«Poesia come massimo grado della sconfitta. Poesia come massima distanza dalla resa». Christian TitO

SULLA BOCCA DI TUTTI: LA POESIA RITORNA IN PIAZZA

Lunedì 21 settembre DALLE 18.00 C/O Chioschi Azzaip PIAZZALE CORVETTO

Azzaip è il patto di collaborazione proposto da: Casa di Giacomo, PR5 Studio, Vladimir l’edicolante, Hossain il fiorista, Studio Pasta Madre, Libreria Punta alla Luna, Terzo Paesaggio, Nino Iacovella e Comune di Milano. Azzaip è realizzato nell’ambito di Luoghi comuni, una delle azioni di La città intorno di Fondazione Cariplo

giovedì 10 settembre 2020

L'ULTIMO NUMERO DI DOPPIOZERO

 

doppiozero
 

la newsletter di doppiozero · 8 settembre 2020

 

Daniela Gross scrive per noi la prima tappa di un diario dall'America che ci accompagnerà fino al giorno delle elezioni: siamo in Louisiana, uno degli stati più poveri d’America. L'uragano Laura, il Covid-19, Trump la cui America, a volerci credere, è una bella storia: il virus cinese sarà sconfitto, risorgeremo più forti e ricchi di prima, Black Lives Matter finirà in una bolla di sapone. Riccardo Giannitrapani ritorna a percorrere i corridoi della sua scuola: "ho insegnato matematica per settimane a uno schermo cercando di far stare nel singolare un universo che ha natura plurale. Il problema della didattica a distanza non è nella mancata condivisione di un luogo, di un argomento, di un contenuto, ma nell’asettica rassegnazione a fare a meno degli occhi". Un nuovo carteggio per il nostro speciale: Francesca Rigotti e le lettere tra Hannah Arendt e Martin Heidegger. Infine Chiara Lagani con un indovinello, a ricordarci che dal 18 al 20 settembre torniamo a Novara con Scarabocchi: distanti e cauti con il nostro festival. Chiara Lagani sarà con noi, con Lewis Carroll, per una conferenza-puzzle (per bambini dai 6 ai 100 anni) domenica 20 settembre alle ore 17, per la chiusura della terza edizione del festival. Il programma si può leggere qui.

 

Non dimenticare che per tenere vivo questo spazio anche un solo euro per noi significa molto:  SOSTIENI DOPPIOZERO e buona lettura!

Image

Daniela Gross

La sera dopo l’uragano l’aria profuma di foglie, erba, acqua. Al tramonto, quando il vento si quieta, esco di casa. Un sole beffardo illumina un disastro di case sfondate, alberi in briciole, macchine accartocciate. Mi faccio strada fra i vetri e i detriti. Una ragazza piange accanto al rottame di una Honda nera. Un uomo mi saluta dal portico di una casa senza più tetto. Gli sorrido ma ho un groppo in gola. »

Image

Riccardo Giannitrapani

 

Lunedì sono tornato a scuola. I corridoi, le scale, le aule, le foto alle pareti, persino le cose fuori posto erano al loro posto, un edificio intero in silenziosa attesa di piedi e voci. Dagli esami di luglio poco è cambiato; in un contrasto a volte stridente (ma non inatteso) con il resto del mondo, la scuola rimane un piccolo santuario silenzioso, un’oasi distante e distanziata di rumori ovattati, di luci mai forti, di saluti discreti, quasi un leggero brusio. »

Image

Francesca Rigotti

 

«Il démone mi ha colpito...non mi era ancora mai capitato niente di simile». Lo scrive in una lettera il professore di filosofia alla studentessa, che subito comprende. Il grande démone è quello del Simposio di Platone, Eros. Con questi toni inizia, nel febbraio del 1925, la corrispondenza amoroso-filosofica di Martin Heidegger – che sarebbe divenuto il filosofo di fama mondiale e all’epoca aveva trentasei anni, una moglie e due figli piccoli - con Hannah Arendt – anch’essa qualche decennio dopo non meno famosa del maestro e amante – mentre entrambi si trovavano nella piccola città universitaria di Marburg nel centro della Germania, tra Kassel e Francoforte. »

Image

Chiara Lagani

Ditemi, se lo sapete, miei cari fanciulli

Dove si trovano queste meraviglie:

Un dente di leone e un occhio di bue»